Sanremo Scordati: Bertin Osborne

Pubblicato: Lunedì, 02 Febbraio 2015

di Pasquale Caputi

Quando lo spagnolo Bertin Osborne uscì sul palco della 33^ edizione del Festival di Sanremo (quella del 1983), un flusso ormonale invase il teatro e tutte le case degli italiani che in quel momento stavano guardando la tv.

Apparve un “tronco di pino” (come direbbe la Litizzetto), un dio greco, una statua in doppiopetto blu, metà Tony Manero e metà Julio Iglesias, col capello nero impomatato e gli occhi verdi, che cominciò a cantare la sua “Eterna malattia”, una canzone fatta apposta per far sognare le fanciulle e le signore. Vedevano sto pezzo di ragazzo mentre cantava che avrebbe fatto qualsiasi cosa, anche le più assurde, ma non avrebbe mai rinunciato alla sua amata, in 

pratica “toglietemi tutto ma non il mio… amore” (non si capisce mai perché i cantanti più sono belli e impossibili e più nelle loro canzoni soffrono, vivono sto tormento per una donna che non li vuole e mentre sotto casa hanno un esercito di ragazze urlanti, loro preferiscono macerarsi nel dolore più acuto di un amore non corrisposto… mah!!).

Chissà quante mogli avranno in quel momento guardato con aria schifata i mariti nei loro pigiami flanellati, stravaccati sul divano che commentavano: “Ma che ci troveranno le donne in uno così?”.

La sua canzone ebbe un discreto successo, al festival si piazzò al 14° posto e vinse anche il premio della critica per il miglior interprete, ma poi… puff… sparito. Preferì tornarsene in Spagna dove probabilemente si sentiva più apprezzato.

Adesso il buon Bertin, ha 60 anni ed è sposato con una bellissima ragazza che probabilmente ha la metà dei suoi anni (è arrivato il momento della vendetta del marito medio). So che siete curiosi di vederla perciò vi aggiungo anche il link alla sua foto… prima, però, torniamo negli anni ’80 ed ascoltiamoci Norberto Juan Ortiz Osborne, questo il suo vero nome, col suo successo sanremese.

 

 

Bertin Osborn: Eterna malattia

 

E ora, come promesso eccovi la foto di Bertin Osborn con la moglie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy