Francesco in Africa senza paura

Creato: Mercoledì, 25 Novembre 2015 Pubblicato: Mercoledì, 25 Novembre 2015

di Antonio Savino
(Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Senza paura. Papa Francesco è in Africa e porterà a termine la sua missione pastorale. L’allarme è ovviamente piuttosto alto, il Pontefice potrebbe rappresentare un potenziale obiettivo per i terroristi, così come dichiarato anche dai servizi segreti francesi. Padre Lombardi, direttore della sala stampa del Vaticano, ha però fatto sapere che non vi sarebbero elementi nuovi di preoccupazione e che quindi il programma di Papa Francesco continua ad essere quello previsto. Il Pontefice spera vivamente di portare il suo messaggio di pace.Come è arrivato a Nairobi è scoppiata la grande gioia degli africani. Danze tradizionali, balli e canti moderni e tanti costumi colorati: così è stato accolto Papa Francesco  alla prima tappa del viaggio africano.

Al suo arrivo alla State House di Nairobi per la cerimonia di benvenuto, Bergoglio è stato accolto dal presidente della Repubblica del Kenya, Uhuru Kenyatta.

Dopo l'esecuzione degli inni, gli onori militari e la presentazione delle rispettive Delegazioni, il Papa è entrato nel Palazzo Presidenziale per i saluti ufficiali.

Firmato il Libro d'Oro, Papa Francesco si recato nello studio del Presidente per l'incontro privato. Contemporaneamente ha avuto luogo un incontro bilaterale tra le delegazioni vaticana e keniota al quale erano presenti, da parte vaticana, il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, i cardinali Filoni, Turkson e Njue e gli arcivescovi Becciu, Balvo e Anyolo. Al termine del colloquio privato, la famiglia del Presidente è stata ammessa nello Studio dove ha luogo lo scambio dei doni.

 

COS'È ACCADUTO DURANTE IL VOLO ROMA-NAIROBI?

 

"Buongiorno, voglio salutarvi e ringraziarvi per la vostra presenza e il vostro lavoro in questo viaggio". 

Così aveva detto il Papa ai 74 giornalisti di testate internazionali che lo accompagnano nel suo viaggio in  Africa.

"Io - ha aggiunto papa Bergoglio - vado con gioia a trovare i keniani, gli ugandesi e i fratelli della Repubblica Centrafricana. Vi ringrazio per tutto quello che farete perché questo viaggio dia i frutti migliori, siano materiali che spirituali. E così mi piacerebbe salutarvi uno per uno".

E a un giornalista che gli chiedeva se non fosse nervoso per il rischio di attacchi durante la sua visita in Kenya, Uganda e Repubblica centrafricana, il Papa ha risposto con una battuta: «Sono più preoccupato per le zanzare».

Dopo il consueto giro tra i reporter, durante il quale ognuno ha potuto salutarlo e scambiare qualche parola con lui, papa Bergoglio, ripreso il microfono, ha detto: "Buon viaggio e a ritrovarci".

"Grazie santità - ha detto il portavoce papale Federico Lombardi - faremo di tutto per collaborare al suo servizio: ci proteggeremo dalle zanzare".

Papa Francesco è arrivato alle 7 e 40 all'aeroporto di Fiumicino ed alle 8.01 l'aereo papale è decollato alla volta del Kenya, prima tappa del viaggio apostolico che lo portera' anche in Uganda e nella Repubblica Centrafricana. L'arrivo all'aeroporto internazionale "Jomo Kenyatta" di Nairobi è previsto alle ore 17 locali (15 italiane). 

Francesco è stato accolto, tra gli altri, da monsignor Reali, vescovo della diocesi di Porto-Santa Rufina, nella cui giurisdizione si trova l'aeroporto di Fiumicino e da altre autorità civili e militari, con le quali si è intrattenuto cordialmente. 

Il telegramma del Papa al Presidente italiano Mattarella
Il Papa, come e' tradizione per ogni viaggio internazionale del pontificato, ha inviato un messaggio al presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella. "Nel momento in cui mi accingo a compiere un viaggio apostolico in Kenya, Uganda e Repubblica Centrafricana, mosso dal vivo desiderio di incontrare i fratelli nella fede e gli abitanti di quelle care nazioni - si legge nel telegramma - mi e' gradito rivolgere a Lei, signor presidente, l'espressione del mio deferente saluto che accompagno con fervide preghiere per il bene e la prosperita' dell'intero popolo italiano".


Il messaggio del Presidente Mattarella al Papa
Questa il messaggio del Presidente Mattarella inviato a Papa Francesco:
"Desidero farle pervenire il mio piu' sincero ringraziamento per il messaggio che ha voluto cortesemente indirizzarmi nel momento in cui si accinge a partire per il viaggio apostolico in Kenya, Uganda e Repubblica Centrafricana. L'Italia e la comunita' internazionale guardano con grande attenzione al suo primo viaggio nel continente africano, il cui potenziale di crescita e sviluppo e' tuttora ostacolato da guerre, instabilita' politica, poverta' e allarmanti disuguaglianze sociali. La sua presenza sara' di sostegno e incoraggiamento alle locali comunita' cristiane e rechera' un importante segnale di pace, fraternita' e dialogo ai paesi visitati e all'intero continente, fornendo altresi' un prezioso messaggio di speranza per il futuro. Mi e' gradita, Santita', l'occasione per rinnovarle i sensi della mia piu' profonda stima e considerazione".

Direttore Responsabile: Antonio Savino

Editore: Editgest s.r.l.

Direttore Editoriale: Luigi Triani

Telefono: 0971 1949636

Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PubblicitàQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
Terra di Basilicata - Dir. Resp. Antonio Savino - Aut. Trib. Potenza 357/08 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy