Una visita di lavoro

Creato: Giovedì, 28 Gennaio 2016 Pubblicato: Giovedì, 28 Gennaio 2016

di Antonio Savino
(Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Il presidente iraniano Hassan Rohani è venuto in Italia soprattutto per parlare di lavoro. Dopo aver fatto visita al Papa ha incontrato gli imprenditori italiani.

Nel suo intervento al Business Forum Iran-Italia, organizzato da Confindustria e Ice, in collaborazione con la rappresentanza diplomatica di Teheran a Roma, Rohani ha osservato che l'Iran, uscito dalla peggiore recessione degli ultimi anni, è "un'economia emergente, il Paese più sicuro e stabile del Medio Oriente" ed è pronto ad accogliere gli investitori italiani.

«L'Italia è un partner economico importante». "L'Italia è un partner importante, con un ruolo molto particolare", ha continuato, "gli iraniani hanno molta fiducia nelle aziende italiane e c'e spazio perché diano le risposte necessarie alla nostra economia". E ha invitato a guardare all'Iran "non come un mercato unico, ma come un Paese che è al centro di un mercato molto più ampio" e che dunque può fare da ponte per l'intero Medio Oriente.

Rohani si è detto anche convinto che lavoro e occupazione aiutino a battere il terrorismo: "Se vogliamo combattere l'estremismo nel mondo, una delle strade sono lo sviluppo e l'occupazione perché la mancanza di sviluppo crea forze per il terrorismo, la disoccupazione soldati per i terroristi".

Squinzi: coglieremo le opportunità. L'Italia sembra pronta a rispondere alla chiamata: "L'obiettivo è ritornare a una posizione di leadership", ha confermato il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, che si è detto "fiducioso" che si possano "cogliere tutte le opportunità".

Renzi invitato a Teheran. Il governo italiano lavora da tempo all'obiettivo: il premier Matteo Renzi è stato invitato a Teheran, e dopo le missioni nel 2015, ce n'è già in programma un'altra, dall'8 al 10 febbraio.

Con l'Iran "abbiamo riallacciato i fili interrotti, ora comincia una nuova fase con il piede giusto", ha confermato il presidente dell'Ice, Riccardo Monti. "È un Paese che ha una grande voglia di Italia ma dobbiamo correre, perché c'è la fila".

Gentiloni: Italia apripista. L'Italia ha un vantaggio sugli altri aspiranti partner dell'Iran perché negli ultimi anni ha svolto "un ruolo di apripista", ha ricordato il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni. E proprio Gentiloni, ricordando l'impegno di Eni in Iran negli anni '50 del secolo scorso, ha aggiunto: "Enrico Mattei affermava: 'quando cominciammo le nostre attività in Iran eravamo dei sognatorì, ora quel sogno si è trasformato in una realtà".

 

 

Murales

Comics

TerradiBasilicata TV

 
Terra di Basilicata - Dir. Resp. Antonio Savino - Aut. Trib. Potenza 357/08 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy