Frecciarossa, ancora non si sa come va a finire e già infuriano i litigi

Creato: Mercoledì, 12 Ottobre 2016 Pubblicato: Mercoledì, 12 Ottobre 2016

di Antonio Savino 

Sull'arrivo di FrecciaRossa in Basilicata crescono le polemiche e i conflitti tra i parlamentari e i consiglier regionali e la battaglia si allarga tra i comuni del materano.

 "In merito alla spinosa vicenda FrecciaRossa che interessa il territorio della provincia di Matera e, nello specifico, la stazione ferroviaria Ferrandina-Pomarico-Miglionico, la Amministrazione comunale di Ferrandina intende dare battaglia se fosse confermata la notizia riguardante il trasferimento a Metaponto della sosta dell'Alta Velocità". E' quanto si legge in un comunicato stampa a firma di Maria Murante, vicesindaco di Ferrandina.
"Siamo consci che alcuna dichiarazione da parte di RTI in tal senso è stata rilasciata, per tanto confidiamo nella lungimiranza tanto della dirigenza Trenitalia quanto della Giunta Regionale di Basilicata: la stazione di Ferrandina, difatti, svolge da collegamento diretto con Matera che, ricordiamolo, si appresta a divenire il motore culturale e turistico della nostra regione. Pensare di poter decentrare la sosta favorendo il territorio pugliese a quello lucano dimostrerebbe la cecità e la miopia da parte dei nostri Governanti.
Non è il tempo di arroccarsi sui propri campanili e campanilismi, è il tempo di servire le nostre comunità e i nostri territori con serietà e verso una azione politica che miri al bene dell’intera collettività lucana.
Abbiamo dunque chiesto con forza un incontro formale – inviato tramite pec in data 10 ottobre – all’Assessore Regionale alla Mobilità e ai Trasporti, nonché inviato nota ufficiale di chiarimenti a tutti gli enti preposti – dalla Giunta Regionale ai sindaci della collina materana, al Presidente della Giunta regionale e della Provincia, a Trenitalia –, e coinvolto il Parlamento attraverso una interrogazione scritta a firma dell’on. Burtone indirizzata al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, affinché la Regione confermi la strategicità della scalo ferroviario “Ferrandina-Pomarico-Miglionico”, baricentrico rispetto alla Provincia e meta già individuata quale fermata della futura FrecciaRossa, riconoscendo la giusta dignità ai territori della provincia di Matera".

“Proprio come accade nel Paese sui grandi temi della politica nazionale, anche da noi in Basilicata, prevale la tendenza a dividerci su tutto. Persino su un risultato importante, che è vicino, come quello dell’impiego del Frecciarossa sulle nostre linee ferroviarie c’è chi non perde l’occasione per polemizzare e trovare comunque il ‘pelo nell’uovo’”. Queste le dichiarazioni del consigliere regionale del Pd, Vito Giuzio, che continua: “ma se la polemica diventa nuova guerra di campanile e tra territori, come nella scelta della stazione di fermata in provincia di Matera (tra Ferrandina e Metaponto), la pretestuosità è ancora più nociva e pericolosa perché alimenta nuovi focolai di contrapposizioni campanilistiche che nuocciono alla tenuta dell’unità regionale e non fanno certo l’interesse delle nostre comunità, ciascuna delle quali vorrebbe il treno più veloce sotto casa e ne avrebbe legittimamente diritto. Deve, invece, prevalere – sottolinea Giuzio - un atteggiamento di responsabilità contestualmente ad una lettura e ad un’interpretazione rigorose ed oggettive di provvedimenti e fatti e senza alimentare tra parlamentari ed amministratori regionali inutili gare di protagonismo. Ed allora non si può, obiettivamente, non riconoscere l’impegno profuso dal Governo Pittella, ed in particolare dall’assessore Benedetto, per velocizzare e rendere moderni i collegamenti da e per Roma e il centro-nord, un obiettivo che sinora era stato solo sfiorato da chi l’ha preceduto. Apprezzabile inoltre, dal mio punto di vista, il doveroso ‘altruismo’ dimostrato dall’assessore Benedetto rispetto a scelte che possono non agevolare  i suoi stessi interessi imprenditoriali ma che, ovviamente lo hanno portato a privilegiare le opportune necessità che consentono più facilmente di raggiungere risultati significativi per la stessa immagine della comunità di Basilicata”.

“Mi permetto, sommessamente – dice l’esponente del Pd - di suggerire a vecchi e nuovi detrattori e ai ‘benealtristi’ di maggioranza come di minoranza, di abbandonare la polemica per il gusto della polemica e contribuire invece a non sminuire la ‘forza contrattuale’ del Governo regionale (nei confronti in questo caso di FS) dando un’immagine ‘divisiva’ della nostra comunità e di impegnarci per raggiungere quei risultati da tutti auspicati  anche attraverso  l’imminente attuazione del nuovo Piano Regionale Trasporti che è lo strumento principale per determinare una svolta nella mobilità dei nostri cittadini. Solo dopo, quando il capostazione darà il via libera al Frecciarossa, si apra un confronto serrato e propositivo su cosa fare per migliorare i servizi ferroviari e per collegarvi utilmente i diversi territori, ma abbandonando posizioni preconcette o peggio ancora tipici di sabotatori di treni”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy