Ora è Salvini a piangere, niente da fare contro la Fornero

Pubblicato: Martedì, 20 Gennaio 2015

La Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibile il referendum sulla legge Fornero. Il referendum era stato proposto dalla Lega Nord.

«La Corte costituzionale, nell’odierna Camera di consiglio - informa una nota - ha dichiarato inammissibile la richiesta di referendum relativa all’articolo 24 (Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici) del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 (Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici)», la cosiddetta legge Fornero, appunto, «convertito in legge, con modificazioni, dall’articolo 1, comma 1, della legge 22 dicembre 2011, n. 214, nel testo risultante per effetto di modificazioni e integrazioni successive. La sentenza - informa inoltre la Consulta - sarà depositata entro i termini previsti dalla legge».

«Questa Italia mi fa schifo» così Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, dai microfoni di Radio Padania, commenta la decisione della Consulta: «Oggi muore la democrazia. La decisione di oggi è un grande vaff... a tutta l’Italia perché la gente vuole cancellare la legge Fornero e gli si nega questa possibilità», prosegue il leader della Lega Nord.

 

La Corte Costituzionale «avrà avuto le sue buone ragioni. Ritengo questa decisione positiva per il Paese» ha detto l’ex ministro del Lavoro, Elsa Fornero. «Ora il Parlamento se vuole esamini la riforma con pacatezza e lungimiranza. I referendum - ha aggiunto - sono un esercizio di democrazia. Ma saremmo entrati in una campagna elettorale continua. Se il Parlamento vuole esaminare la riforma a tre anni dalla sua introduzione - ha detto - lo può fare. Lungi da me dire che la legge è perfetta ma è preferibile un passaggio parlamentare». 

Direttore Responsabile: Antonio Savino

Editore: Ass. Officinia Italia - Potenza

Direttore Editoriale: Luigi Triani

Telefono: 0971 1949636

Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PubblicitàQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy