Festa Pasquale

Pubblicato: Domenica, 17 Aprile 2022

Il Potenza chiude la pratica salvezza con una giornata di anticipo. Ai rossoblu bastava un punto per la permanenza matematica in serie C e lo conquistano nell’ultima gara casalinga di questa stagione: 1 a 1 contro la Juve Stabia, in una partita che ha visto i lucani per lunghi tratti protagonisti.

Gli uomini di Arleo già in vantaggio dopo appena un quarto d’ora, vanno più volte vicini al gol del raddoppio, ma nel finale, come spesso accaduto in questo campionato, vengono raggiunti dalle “vespe” campane che chiudono così il risultato in parità.

La vigilia di Pasqua ha tutti gli ingredienti per tingersi di festa e far mangiare in tranquillità la pastiera ai tifosi rossoblu, ai lucani infatti basta un punto in 180 minuti, oppure anche solo un pareggio della Vibonese.

Arleo scende in campo deciso a raggiungere la salvezza in casa con una formazione aggressiva, un 4-2-3-1 che vede tra i pali Marcone, 4 difensori con Matino laterale di destra, Gigli e Cargnelutti centrali e Coccia a sinistra, Sandri e Costa Ferreira in cabina di regia, e nella parte più offensiva Salvemini, Ricci e Guaita dietro la punta centrale Cuppone.

La Juve Stabia risponde con un 3-4-3 con Dini in porta, difesa composta da Tonucci, Caldore e Troest, centrocampo a 4 con Scaccabarozzi a destra, Dell’Orfanello a sinistra, Altobelli e Schiavi centrali. In attacco il tridente composto dai laterali Ceccarelli e Bentivegna, e Stoppa al centro.

Il Potenza parte subito forte con un’azione personale di Salvemini che dopo appena due minuti si accentra e tira, sfiorando il palo alla destra di Dini. Un giro di lancette più tardi è Costa Ferreira a mettere in apprensione la difesa ospite con un tiro dalla distanza poco alto sulla traversa. I lucani continuano la loro azione offensiva mettendo alle corde lo Stabia che non riesce ad uscire dalla propria metà campo e al 15° Costa Ferreira, servito da Sandri, ha tutto il tempo di prendere la mira e calciare di destro, disegnando una traiettoria a giro che termina all’incrocio dei pali alla sinistra di Dini.

Il primo tempo è saldamente nelle mani dei rossoblu che continuano a schiacciare gli stabiesi nella loro metà campo, sfiorando in più occasioni il raddoppio, come al 28°, quando sempre Costa Ferreira fa partire un gran tiro dalla distanza che si spegne di poco alla destra della porta delle “vespe”, e poi al 35° con una conclusione di Ricci parata di Dini.

Al raddoppio il Potenza ci arriva al 41° con Salvemini, con un tiro fotocopia del vantaggio, ma questa volta, dopo aver convalidato la rete, l’arbitro l’annulla su tardiva segnalazione del guardalinee per fuorigioco di Cuppone.

Nella ripresa i padroni di casa riprendono da dove avevano lasciato, ovvero sempre alla ricerca del secondo gol. Al 66° è la traversa a negare la gioia a Sandri che calcia una punizione insidiosissima da posizione defilata.

Come spesso capita nel calcio, quando non si chiudono le partite e la stanchezza comincia a farsi sentire, gli avversari prendono coraggio, e  così i campani ci provano prima al 67° con Guarracino, appena subentrato a Scaccabarozzi, e poi si rendono pericolosi con una serie di calci d’angolo con conclusioni sempre ribattute dalla difesa rossoblu. All’84°, però, arriva  il gol del parereggio con Della Pietra, servito in area da Bentiveglio, che ruba il tempo ai difensori lucani e insacca alle spalle di Marcone.

La partita finisce praticamente qui. Il Potenza non riesce a concludere con una vittoria il suo campionato al Viviani, ma la cosa che conta è la salvezza. La cura “Arleo” ha funzionato ancora una volta: la sua caparbietà, il suo attaccamento ai colori della sua città, il suo "non mollare mai", che è riuscito a trasmettere alla squadra, e anche grazie a un pizzico di fortuna (leggasi fallimento del Catania), hanno permesso ai lucani di rimanere ancora una volta tra i professionisti... e che la festa "Pasquale" abbia inizio.

Buona Pasqua a tutti.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy