Realizzato da Basileus comunicazione

Migranti: le iniziative della Regione Basilicata

Pubblicato: Martedì, 05 Maggio 2015

L'Organismo di coordinamento regionale in materia di immigrati e rifugiati politici ha formalizzato oggi un'ipotesi di intesa tra Regione, Ministero, Upi e Anci per dare attuazione al Piano operativo nazionale “per fronteggiare il flusso straordinario di cittadini immigrati”

La Regione Basilicata ha formalizzato oggi, dopo gli incontri dei giorni scorsi, un'ipotesi di intesa con il Dipartimento Libertà civili e Immigrazione del Ministero dell'Interno, con l'Unione delle Province d'Italia (Upi) e con l'Associazione nazionale comuni italiani (Anci) della Basilicata - per dare attuazione al Piano operativo nazionale “per fronteggiare il flusso straordinario di cittadini immigrati”, in ottemperanza a quanto stabilito in sede di Conferenza Stato-Regioni il 10 luglio 2014.

A darne notizia è l'Organismo di coordinamento della Regione Basilicata in materia di immigrati e rifugiati politici. “Come coordinamento - spiega in una nota - abbiamo trasmesso l'ipotesi d'intesa con Ministero, Upi e Anci, per l'attuazione dell'accordo Stato-Regioni del 2014. Per la Basilicata significherà, tra le altre iniziative in cantiere, la creazione di un “hub” regionale (cioè un nodo di smistamento dei profughi) e la messa a punto delle modalità per arrivare ad ospitare fino a duemila migranti, come annunciato ad aprile dal presidente della Regione Basilicata. Siamo entrati quindi nella fase esecutiva, ed ora si attende solo la firma dell'accordo definitivo. I contenuti del documento sono diversi, e riguardano anche le modalità di prima accoglienza, con il graduale superamento dell'ospitalità in grandi nuclei negli alberghi, privilegiando l'alloggio in case e abitazioni, previo accordo con i Comuni del territorio lucano”.

Intanto, i migranti arrivati in Basilicata da Trapani e Ragusa (in Basilicata ne sono un centinaio circa) saranno ospitati nelle strutture già attive e gestite da volontari nel territorio regionale. “Il Ministero dell'Interno - ha evidenziato l'Organismo di coordinamento della Regione Basilicata in materia di immigrati e rifugiati politici - ha invitato ogni regione italiana a dare il suo contributo in vista dell'ennesimo flusso di immigrati dal Nord Africa: i migranti sbarcati saranno suddivisi tra le diverse province, in un numero che va dagli 80 ai 100 ciascuna. Tra pochi giorni ci sarà una riunione a livello nazionale per definire un quadro di intervento nel medio termine. Tutto questo in attesa dell'incremento dei posti messi a disposizione a Scanzano Jonico (nell'ambito delle iniziative della Città della Pace), ma anche del recupero e del completamento di una struttura della Diocesi di Acerenza, per il territorio dell'alto Bradano, e della imminente trasformazione del Centro di identificazione ed espulsione (Cie) di Palazzo San Gervasio in Centro di accoglienza per richiedenti asilo (Cara)”.

Murales

Comics

TerradiBasilicata TV

 
Terra di Basilicata - Dir. Resp. Antonio Savino - Aut. Trib. Potenza 357/08 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy