La Regione non paga gli Enti subregionali. Stipendi e attività a rischio

Pubblicato: Giovedì, 29 Gennaio 2015
 

Ancora una volta siamo costretti a registrare le gravi inadempienze della Regione Basilicata.

Ma questa volta la situazione appare paradossale: sono gli stessi Enti strumentali, quegli stessi Enti che sono continuamente foraggiati dal Sistema clientelare del Pd, ad andare in difficoltà per le mancanze della Regione.

A pagarne le conseguenze, questa volta, sono i dipendenti e le loro famiglie su cui già grava il peso della crisi economica. Infatti, la Regione Basilicata non trasferisce ai propri Enti strumentali le risorse ordinarie assegnate, provocando così notevoli difficoltà agli stessi Enti e disagio ai dipendenti.

Per quali motivi accade? Abbiamo sollecitato la Giunta regionale a prendere immediatamente i provvedimenti necessari per risolvere tale grave situazione chiedendo di sapere quale sia la reale situazione rispetto ai ritardi negli stanziamenti ordinari che la Regione dovrebbe trasferire ai suoi Enti.

Le inadempienze della Regione si stanno spingendo troppo oltre, paralizzando le attività ordinarie degli Enti subregionali. Ci chiediamo dov’è l’efficienza dell’apparato pittelliano, dove sono i famosi esperti che dovrebbero migliorare le performances regionali? Situazioni del genere non dovrebbero accadere. Soprattutto perché far mancare le risorse ordinarie significa mettere in pericolo gli stipendi dei dipendenti e quindi le famiglie.

Gianni Rosa, Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale

Direttore Responsabile: Antonio Savino

Editore: Ass. Officinia Italia - Potenza

Direttore Editoriale: Luigi Triani

Telefono: 0971 1949636

Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PubblicitàQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy