Sei milioni di fedeli per il Papa a Manila

Pubblicato: Domenica, 18 Gennaio 2015

Forse sei, anche sette milioni di fedeli hanno partecipato alla santa messa di papa Francesco a Manila sotto una pioggia battente. Nel giorno conclusivo della sua visita nelle Filippine, una folla straboccante lo ha seguito per le vie della città, sfidando il maltempo. Secondo padre Federico Lombardi è un record assoluto per gli incontri con i Papi.

Papa Bergoglio, con addosso l'impermeabile giallo, a bordo di una papamobile locale che ha la forma della tipica jeepney filippina ha salutato i pellegrini accorsi festosi.

È il giorno della festa del Santo Niño, il Gesù Bambino festeggiato la terza domenica di gennaio. Migliaia di statue del Santo Niño, con i suoi vestiti spagnoleggianti, vengono innalzati al passaggio di Francesco. La liturgia prevede invocazioni in varie lingue locali - ilocano, kapampang, taglog, bicolano, cebuano, waray, hiliagaynon. Una donna non vedente proclama la prima Lettura leggendola dal testo in braille. 

Guardando ancora al Santo Niño, il Papa ha detto che «ci ricorda l’importanza di proteggere le nostre famiglie e quella più grande famiglia che è la Chiesa, la famiglia di Dio, e il mondo, la nostra famiglia umana. Oggi purtroppo la famiglia ha bisogno di essere protetta da attacchi insidiosi e da programmi contrari a tutto quanto noi riteniamo vero e sacro, a tutto ciò che nella nostra cultura è più nobile e bello». Francesco ha chiesto di «proteggere, guidare e incoraggiare i nostri giovani, aiutandoli a costruire una società degna del suo grande patrimonio spirituale e culturale. In modo specifico, abbiamo bisogno di vedere ogni bambino come un dono da accogliere, da amare e da proteggere». Infine, il Papa ha detto che i filippini sono «chiamati a essere eccellenti missionari della fede in Asia».

Direttore Responsabile: Antonio Savino

Editore: Ass. Officinia Italia - Potenza

Direttore Editoriale: Luigi Triani

Telefono: 0971 1949636

Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PubblicitàQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy